Negli abissi della mafia

I boss che giocano al Lotto i soldi di don Puglisi e una profezia che si avvera. Nelle parole dell’assassino pentito una subcultura che dà i brividi

Da diPalermo.it 7 ottobre 2015

Padre Puglisi come GedonPinoPuglisisù sulla croce. Anche nella sua morte si avvera la profezia: “Hanno spartito fra loro le mie vesti, e hanno tirato a sorte la mia tunica” (Salmo 22). Sale un brivido a leggere la testimonianza inedita di Gaspare Spatuzza, componente del commando per uccidere don Pino Puglisi, resa davanti ai magistrati di Caltanissetta e riportata dal Giornale di Sicilia.

U’ Tignusu rivela un particolare che fa il paio con quel sorriso e quel “me l’aspettavo” stampati sul volto di un martire davanti ai suoi killer. Spatuzza, oggi collaboratore di giustizia, racconta che fine fecero i soldi trovati nel borsello del sacerdote, rubato per simulare una rapina finita in omicidio per errore. Soldi sporchi, soldi maledetti, che non potevano essere spesi, ma giocati sì. E così fecero Spatuzza, Lo Nigro e Grigoli: “Ci siamo giocati i numeri, con i soldi del povero beato don Puglisi, ci siamo giocati i numeri di questa moto (quella usata per l’agguato, ndr) e abbiamo preso anche, al lotto, abbiamo preso la vincita. Poi la vincita l’abbiamo suddivisa”. Read more

Scavo: “Poteri finanziari e fronde interne,
ecco i nemici del Papa”

Dal Giornale di Sicilia, 15 ottobre 2015

Il Pontefice «venuto dalla fine del mondo» ha sparigliato le carte dentro e fuori la Chiesa, ha generato consensi come mai nella storia, ma anche oppositori in ogni angolo del mondo. «Bergoglio lo sa. Alcune volte ne ha parlato in privato. Altre lo ha lasciato intendere in pubblico. I serpenti si annidano negli ambienti curiali come nei centri di potere internazionali».

scavo

Ecco chi sarebbero «I nemici di Francesco», secondo l’ inchiesta del giornalista siciliano Nello Scavo, cronista di giudiziaria di Avvenire, divenuta un libro edito da Piemme. Il volume si apre con il racconto del progetto di attentato contro Francesco nelle Filippine, ma si addentra soprattutto nell’analisi dei «poteri forti» che si muovono per arginare Francesco. Read more

La Parola di Dio letta al femminile


I Vangeli commentati da 4 teologhe

Da Avvenire, 1 marzo 2015
La fede e il coraggio delle donne, la cura che solo le donne sanno dare, la maternità e poi l’annuncio della resurrezione affidato a loro. La presenza femminile nei vangeli e nella vita di Gesù è molto più evidente di quello che si possa pensare.

pasqua

“Nei vangeli tutto nasce la mattina di Pasqua e l’esperienza della Pasqua è l’oggetto della fede cristiana, di cui ‘sacerdoti’ e profetesse, cioè canali di trasmissione e grido di gioia, sono le donne”.

Lo dice a chiare lettere Rosanna Virgili, docente di Esegesi all’Istituto teologico marchigiano, che ha curato per Àncora editore un’imponente e ambiziosa pubblicazione a otto mani, in cui si offre una lettura innovativa dei testi di Matteo, Marco, Luca e Giovanni, tradotti, studiati e commentati da quattro bibliste.

Read more

“Vogliono svuotare il Medio Oriente dai cristiani
L’Europa si svegli”

L’intervista a monsignor Jean-Clément Jeanbart,
arcivescovo greco-melkita di Aleppo

Dal Giornale di Sicilia, 25 gennaio 2014

“C’è un complotto per svuotare il Medio Oriente dai cristiani, perché l’unica voce che sale e arriva all’Occidente sono i lamenti dei cristiani. Senza la presenza dei cristiani i piani di ristrutturazione del Medio Oriente saranno difficili”. Monsignor Jean-Clément Jeanbart, arcivescovo greco-melkita di Aleppo in Siria, ha dovuto affrontare un viaggio di sette ore in auto dalla sua città a Beirut, sotto il mirino dei cecchini, per prendere un aereo e rispondere all’invito di monsignor Michele Pennisi, arcivescovo di Monreale. I due presuli stanno lavorando a un gemellaggio tra le due culle del cristianesimo e della presenza araba e bizantina sui versanti opposti del Mediterraneo. Read more